Lago di Garda

Nel suo “Viaggio in Italia” Goethe descriveva il Lago di Garda come una ‘meraviglia della natura, un angolo di paradiso tra i picchi alpini’ e non aveva tutti i torti. Il Lago di Garda è davvero un miraggio di colore mediterraneo tra i ghiacci delle Alpi: qui la primavera è una meraviglia di colori, l’estate è dolce, l’autunno è caldo e l’inverno è mite.

Un mare incastonato tra le montagne, con acque miti mosse dal vento e percorse dalle vele, pareti rocciose, paeselli ordinati, ville eleganti e pittoreschi porticcioli. Un luogo in cui il brio mediterraneo e il rigore alpino si fronteggiano ad armi pari. Poi ci sono le dolci colline e le distese di vigneti, uliveti e agrumeti, la vivacità dei lungolaghi, in fermento dall’aperitivo al dopocena, e i grandissimi parchi di divertimento, vere e proprie città nella città. 

Da non perdere

Sirmione

Tra le cittadine che si affacciano sul lago, Sirmione è sicuramente tra le più belle; famosa sin dall’antichità per le sue terme, si sviluppa su una lingua di terra lunga 4 km in mezzo al lago di Garda ed è conservata, come una perla, dentro la cinta muraria della Rocca Scaligera. Da non perdere anche le Grotte di Catullo, un imponente edificio costruito tra il I sec a.C. e il I d.C. all’estremità della penisola di Sirmione.

Malcesine

Con il suo castello scaligero e le strette vie di pietra arrampicate sulla collina, Malcesine fece innamorare persino grandi artisti come Goethe e Klimt. Oggi il paese è una delle mete turistiche più apprezzate del lago di Garda, grazie alla sua bellezza ma anche grazie alla posizione privilegiata: ricca di spiagge, circondata dal verde e caratterizzata dal maestoso Monte Baldo, è la meta ideale per gli sportivi che qui potranno coniugare attività acquatiche e di montagna. Proprio da Malcesine parte la moderna funivia – con cabine in vetro che ruotano su se stesse, per non perdersi nemmeno un panorama – che dal lago porta a 1780 metri di altezza sulla cima del Monte Baldo. Solo pochi minuti per ammirare una vista mozzafiato sull’intero paesaggio del Garda e godervi un pranzo tipico in baita. Se invece siete più sportivi questo è il punto di partenza perfetto per una giornata di trekking, un lancio in deltaplano, o persino per fare sci vista lago durante l’inverno. 

Torri del Benaco

Da un porticciolo all’altro, da un castello al successivo: il lago di Garda offre mille e più panorami da cartolina. Non fa eccezione Torri del Benaco, dove il castello sembra abbracciare il piccolo porticciolo pieno di barche colorate.

Potrete accedere al museo del castello, percorrere il camminamento di ronda e salire fino in cima alla torre principale: di più, se lo desiderate potrete persino decidere di sposarvi quassù con rito civile. A ridosso delle mura si trova anche l’unica limonaia presente sulla costa orientale del Garda.

 

Garda e Punta San Vigilio

Dopo una passeggiata sul suo delizioso lungolago e dopo esservi persi tra le strette vie del centro storico, risalite un altro tratto di costa fino a raggiungere la piccola penisola di Punta San Vigilio. Una villa storica, una piccola chiesa ed una locanda con atmosfere d’altri tempi si affacciano su uno dei porticcioli più belli del mondo, circondati dalla quiete di un grande parco. La Baia delle Sirene offre diverse spiagge ed angoli ombreggiati in cui rifugiarsi nelle giornate estive, e con un pranzo al ristorante della locanda potrete poi ammirare splendidi panorami sul lago ed immaginare di trovarvi in compagnia degli ospiti illustri che sono passati di qui: da Churchill a Carlo d’Inghilterra, passando per Laurence Olivier e Vivien Leigh.

Salò e Gardone

Gli appassionati di storia del Novecento riconosceranno immediatamente molti nomi tra i luoghi della costa bresciana. Tra le colline di Gardone RivieraGabriele D’Annunzio decise negli anni ’30 di costruirsi una propria città monumentale, dove trascorrere gli ultimi anni della propria vita ed allo stesso tempo celebrare le imprese della prima guerra mondiale. Il complesso di palazzi, piazze, giardini e persino un grande teatro è ora un grande museo diffuso che include il celebre “Schifamondo”: l’edificio che doveva ospitare la residenza del Vate è costruito in modo da ricordare una nave, con oblò, rivestimenti in legno ed uno studio che imita il ponte di comando.
Poco lontana c’è Salò, la città più grande della costa ovest del lago. I Palazzi comunali, della Patria e del Podestà, sono piccoli gioielli ricchi di affreschi, ma l’attrazione principale è la splendida passeggiata lungolago: la più lunga di tutto il Garda, da qui il panorama arriva ad abbracciare le pendici del Monte Baldo.